DISCHI VINILE 33 E 45 GIRI

 

 

I MIEI DISCHI DI MINA  di Alberto Cucchi

45 GIRI DEL PRIMO PERIODO

 


Ho voluto dedicare la mia collezione di dischi 45 giri a Mina (limitandola al primo periodo di successo), la più grande cantante di sempre, icona di stile, fascino, intelligenza, una donna fantastica, insomma un mito. Artista che dura da decenni e che non conosce tramonto, un’attività discografica immensa e di altissimo valore;  personalità  amata, apprezzata  e conosciuta in tutto il mondo.

Nata a Busto Arsizio il 25-3-1940  è stata da subito, con l’esordio a diciotto anni “per caso” alla Bussola, una stella splendente nel panorama musicale italiano,  parecchio  sonnacchioso a metà degli anni cinquanta. Trasferitasi con la famiglia a Cremona canta con il primo complesso “I solitari”, poi preferisce gli “Happy Boys” e con il nome d’arte di Baby Gate diventa la stella di prima grandezza della casa discografica milanese Italdisc. La definiscono “urlatrice” come Celentano, Tony Dallara, ed altri ma non erano urli che emetteva, ma vivacissime interpretazioni corredate da una voce potentissima e meravigliosa, poteva passare facilmente dalle note più alte alle più basse, con una padronanza della sua ugola sorprendente e imbattibile.

Vende milioni di dischi in Italia e nel mondo, è la nuova regina della canzone italiana, ma è anche interprete di film musicali, di show televisivi, fa tournee in Italia e all’estero.  A me è interessata molto questa prima fase della sua carriera, in cui mi piace particolarmente (anche perché mi ricorda la mia gioventù),  è simpatica, genuina, è padrona di scegliere i pezzi che vuole, sorprende sempre anche per l’abbigliamento e le pettinature: diventa anche per i creativi un simbolo di eleganza e di portamento, le canzoni le interpreta, le vive, è idolatrata dal grande pubblico.

 La produzione con l’etichetta Italdisc e le consociate Ducale, Broadway, Polydor vede la pubblicazione di 66 quarantacinque giri con due canzoni cadauno, più alcuni flexidisc  a una sola canzone, microsolchi a 4 canzoni (detti EP), in un periodo  che va  dal 1958 al 1964. Dopo questa data Mina passa alla grande casa RiFi e poi crea la sua etichetta la PDU, con sede in Svizzera.  All’inizio degli anni 70 Mina ha già pubblicato circa 250 dischi a 45 giri, quelli della Italdisc li ho quasi completati, della RiFi e PDU ne possiedo abbastanza.     

MINA  - MOSTRE DI SAN FIORANO E ALBIATE SAN FERMO DEL 2010